Cavoli a merenda (2)

La bellezza non è un fatto politico. Se Peppino Impastato ce lo ricorda, che poi abbia condotto una lotta attraverso la politica è per farci notare che la politica non è fine a se stessa, ma per la bellezza della vita di tutti.

Annunci

Cavoli a merenda (1)

Mi sono rotta le scatole. Delle frasi brevi. Un punto ogni cinque parole. Scambiata per linguaggio asciutto. Livella delle intelligenze. Azzeramento delle capacità intellettive. Basta con frasi semplici. Tutti. Voglio frasi complesse, una lingua articolata, una musica che contiene espressione, in cui ci siano le discendenti e gli incisi, che a ben vedere nessuno più li capisce tanto che i temi in classe degli studenti vengono corretti per “semplificare” le cose. Come possiamo crescere se per raccontare un fatto complesso, ricco, sfaccettato, in cui è inclusa l’esperienza umana nelle sue infinite accezioni, si usa un linguaggio da Twitter? Mala lingua.

bisogno

EE565D75-629F-4DDD-B579-0C55E1C8C7CE.jpeg

 

 

necessità

Una porta chiusa non è sufficiente perché un uomo
nasconda il suo amore. Egli necessita anche di una porta aperta
per poter partire e perdersi nella folla quando questo amore esploderà
come un barile di polvere nell’arsenale raggiunto dal fulmine.
Un tetto non basta perché un uomo sia protetto
dal calore e dalla tempesta. Per sfuggire al lampo
egli necessita di un corpo steso nel letto
e a portata della sua mano ancora timorosa
di avanzare nel buio quando la pioggia cade nel silenzio del mondo aperto come un frutto
fra due tuoni.
Nella notte che declina, nel giorno che nasce,
l’uomo ha bisogno di tutto: dell’amore e del fulmine.

 

Lêda Ivo

Lonely

C5265DC1-0E42-40CB-B143-9F91DB3ED127

 

 

«Incontrarsi. Sfiorarsi. Ma non è possibile dipanare il groviglio delle nostre vite, inventarne un’altra solo per noi due. Mi accontento di questo: darti appuntamento nell’aria, farti sedere accanto a me sullo scoglio, anche se non ci sei».

Sylvia Plath